Archivi del mese: novembre 2008

Più importante partecipare o recitare?

obama_sdi

I Pink Floyd sono vecchi, i Backstreet Boys si sono sciolti, Amy Winehouse non si regge in piedi. Il mondo aveva bisogno di una nuova star da idolatrare. Un gruppo di sociologi, massmediologhi, spindoctor e ghostwriter americani ha voluto riempire questo vuoto: non con un cantante ma con un politico. Non un candidato qualsiasi, ma un frankestein geniale che miscela il fascino di Simon Lebon, l’idealismo di JFK, il giovalinismo di Tom Cruise e la nuance della pelle di Michael Jackson dopo la prima operazione e non oltre. Un lavoro riuscito bene, troppo bene, tanto che la situazione è sfuggita loro di mano e – zak! – il mostro è diventato presidente degli USA. Mica poco. Tanto si sono concentrati sullo slogan iessuichèn (inizialmente intendevano solo lanciarlo, poi registrarlo e infine rivenderlo a CEPU), che gli altri contenuti li hanno in realtà solo un pò scopiazzati. Si giunge ora al punto: io ho scoperto da dove questi geniacci hanno attinto a piene mani per imbastire alla bell’emmeglio un programma di governo. Il luogo è il misconosciuto blog di Enrico Boselli, l’ultimo socialista italiano vecchia maniera. Per prepararsi al voto italiano ad Aprile il leader dell’SDI lanciava slogan per cercare consensi, inconsapevole nel mentre di redarre anche i discorsi della stella nascente americana. Qualche mese dopo gli stessi concetti, coincidenza, li tira fuori Barack Obama:

“Non sono contrario ai matrimoni gay. Stiamo lottando per introdurre in Italia quei diritti civili minimi per non far sentire cittadini di serie B un milione e mezzo di italiani che hanno deciso di vivere insieme e di amarsi”  E.Boselli, 9 apr

“So che ci sono divergenze sul matrimonio gay, ma sono certo che tutti siamo d’accordo sul fatto che i nostri fratelli gay e le nostre sorelle lesbiche hanno il diritto di fare visita in ospedale alla persona che amano e hanno il diritto a non essere discriminati” B.Obama, 31ago
 
“Noi socialisti ci impegniamo a favorire la nascita di un nuovo modello di sviluppo ecosostenibile basato su nuovi parametri che superino la concezione di crescita misurata esclusivamente sul prodotto interno lordo” E.Boselli, 7 apr
“Noi approviamo una politica energetica che faccia in modo che le grandi aziende paghino per l’inquinamento che producono, e che faccia in modo che le compagnie petrolifere investano i loro profitti da record in un futuro di energia pulita” B.Obama, 4 giu
 
“L’aborto è una piaga se non c’è una legge che stabilisca limiti e regole, perché altrimenti dal dramma si passa alla tragedia e a farne le spese sono sempre i più deboli” E.Boselli, 6 apr
“Rendere l’aborto illegale non lo elimina, ma fa solo sì che i poveri soffrano di più delle persone benestanti” B.Obama, 14 giu
 
“Walter Veltroni è un bugiardo, mente. Chiedo a Bertinotti e Casini di smentire pubblicamente le sue dichiarazioni.” E.Boselli 9 apr
“Hillary Clinton è una bugiarda, mente. Chiedo a suo marito Bill e ad Al Gore di smentire pubblicamente le sue dichiarazioni”. (ok, magari Obama non l’ha detto però l’ha sicuramente pensato)
 
Il risultato? Boselli = 0,8 % in Italia; Obama = 52 % in USA. L’abito non fa il monaco, ma il presidente.

3 commenti

Archiviato in POLITICA